Navigare in Internet è diventato una parte integrante della vita quotidiana, ma può nascondere pericoli inaspettati anche molto gravi per i nostri dispositivi, i nostri dati e persino per il nostro conto in banca. Tra questi pericoli, i malware, spyware, trojan, ransomware, e altri virus informatici rappresentano una delle minacce più gravi.

Per difendersi al meglio, però, è bene capire con che tipo di pericolo abbiamo a che fare e cosa vuol dire ognuno di questi termini.

Malware

Il termine “malware” deriva dall’unione delle parole inglesi “malicious” (malevolo) e “software”. Rappresenta una categoria ampia che include qualsiasi tipo di software progettato per danneggiare o sfruttare qualsiasi programma, sistema o rete.

In pratica tutti i tipi di virus informatici che stiamo per descrivere sono dei malware, perché sono dei software malevoli e pericolosi.

I malware, infatti, possono rubare, cifrare o cancellare i tuoi dati, alterare o sequestrare le funzioni del computer e spiare le attività dell’utente senza il suo consenso.

Si diffondono comunemente tramite allegati email infetti, software scaricato da siti non affidabili o tramite chiavette USB contaminate.

Spyware

Gli spyware sono un tipo di malware che spia a fondo utente senza il suo permesso. Questi software spia possono raccogliere dati sensibili, come i dettagli per accedere al conto corrente online, password e abitudini di navigazione dell’utente.

Gli spyware si infiltrano spesso nei dispositivi attraverso il download di software gratuito o tramite link e allegati email ingannevoli. Una volta installati, possono essere difficili da rilevare e rimuovere, perché si nascondono e restano attivi all’insaputa dell’utente.

Keylogger

Il keylogger è un tipo di spyware, registra tutto ciò che l’utente digita sulla tastiera, comprese le password e altre informazioni sensibili, che vengono poi inviate agli hacker. In questo modo è possibile rubare i profili Facebook e degli altri social, oppure violare il conto online.

Trojan

I trojan prendono il nome dal famoso cavallo di Troia. Sembrano software legittimi o file innocui, ma una volta installati, aprono una “porta” sul dispositivo dell’utente, permettendo agli hacker di accedere. I trojan possono rubare dati, installare ulteriori malware o persino consentire agli aggressori di prendere il controllo completo del dispositivo infetto.

Ransomware

Il ransomware è un tipo di malware particolarmente dannoso che blocca tutti i file sul computer o il telefono della vittima, criptandoli, per poi chiedere un pagamento (ransom, in inglese riscatto) per il loro recupero. Anche se il riscatto viene pagato, però, non c’è nessuna garanzia che i file verranno decifrati.

Questo tipo di attacco può colpire sia utenti individuali che grandi organizzazioni, causando danni e perdite finanziarie significativi. Purtroppo, negli ultimi anni, gli hacker si sono concentrati sull’attacco di strutture sanitarie tramite ransomware: hanno criptato i server di ospedali e cliniche mandando in tilt queste strutture e, in alcuni casi, hanno persino causato vittime.

Worm

Worm, in inglese, significa verme. Questi virus si diffondono autonomamente attraverso le reti informatiche, replicandosi senza che l’utente debba far nulla o che se ne accorga. Possono causare danni diffusi rallentando i sistemi o danneggiando file e programmi.

Adware

La parola adware deriva dall’unione di “ads” (pubblicità) e “software”. Sebbene meno pericoloso rispetto ad altri malware, l’adware può essere fastidioso e compromettere la sicurezza dei telefoni e dei computer, perché mostra grandi quantità di annunci indesiderati che rallentano il dispositivo infetto. A volte queste pubblicità, se cliccate, possono portare a siti web pericolosi o truffe.

Botnet

La parola “botnet” deriva dall’unione di “bot” (robot, software automatizzato) e “network”. Chiamate spesso anche “reti zombie”, le botnet sono delle reti formate da dispositivi infetti, controllati da un attaccante all’insaputa dei legittimi proprietari dei singoli dispositivi.

Di solito le botnet vengono usare per lanciare attacchi DDoS, un tipo di attacco contro i siti Web che consiste nel bombardarli di richieste di dati per mandarli KO. Le botnet possono essere usate anche per mandare migliaia di email infette ad altri computer e telefoni.

Come proteggersi dai malware

Ogni malware, come abbiamo visto, è diverso, ma esistono alcune misure di buon senso che sono sempre utili per proteggersi dai rischi più frequenti. Ecco un elenco di buone pratiche da mettere in atto, tutti i giorni, nella nostra vita digitale:

  • Utilizzare un antivirus affidabile e mantenerlo aggiornato
  • Effettuare regolarmente backup dei dati importanti
  • Prestare attenzione alle email e ai siti web sospetti, specialmente se contengono link o allegati
  • Non scaricare software e app da fonti non affidabili
  • Aggiornare regolarmente il sistema operativo e le applicazioni