Carovoli per il Covid: Federconsumatori Sicilia chiede l’intervento del Governo

federconsumatori prezzi biglietti aerei covid 19

LA ROSA: 500 EURO PER PALERMO-ROMA A/R E’ INTOLLERABILE E NUOCE A ECONOMIA

Dopo la delusione per i voucher per i viaggi annullati, invece dei rimborsi, ora arrivano da più parti segnalazioni di prezzi elevatissimi per i voli da/per la Sicilia. In tutto questo è ormai chiaro che i viaggi e gli spostamenti in abbonamento che i consumatori non hanno potuto effettuare sono persi e non ci saranno rimborsi. Continua a leggere

Trasporto ferroviario e Fase 2: Federconsumatori chiede incontro a Falcone

Trasporto ferroviario Federconsumatori Sicilia appoggia i lavoratori

LA ROSA: SICUREZZA PRIORITA’, MA PARLIAMO ANCHE DEI RIMBORSI AI VIAGGIATORI

Bisogna garantire la sicurezza del Trasporto Pubblico Locale in Sicilia, specialmente in vista del secondo step della Fase 2 che avrà inizio il 18 maggio. Per questo Federconsumatori Sicilia ha chiesto un incontro, fisico o anche online, all’Assessore Regionale ai Trasporti, Marco Falcone, al quale dovrebbero partecipare anche i vertici regionali di Trenitalia, Rete Ferroviaria Italiana e Grandi Stazioni. Continua a leggere

Sequestro Caronte & Tourist: Federconsumatori plaude al lavoro della Magistratura

sequestro caronte tourist federconsumatori sicilia
A meno di un mese dall’arresto del sindaco di Villa San Giovanni Giovanni Siclari e di Antonino Repaci e Calogero Fimiani, rispettivamente presidente del Cda e amministratore delegato Caronte & Tourist Spa, Federconsumatori Sicilia prende atto che la nota compagnia di navigazione è tornata al centro delle cronache giudiziarie, questa volta per il sequestro di tre navi: la Pace, la Caronte e la Ulisse. Secondo la Procura di Messina, infatti, le tre navi non sarebbero a norma per il trasporto dei passeggeri con ridotta mobilità. Continua a leggere

Nuovi treni Pop: bene, me serve dialogo con i viaggiatori

 

LA ROSA: SI ATTIVI LA CONCILIAZIONE PARITETICA E IL TAVOLO DI CONFRONTO

L’arrivo dei nuovi treni Pop acquistati dalla Regione Siciliana con i fondi Po Fesr 2014/2020 è una buona notizia per i consumatori siciliani e, in particolar modo, per i pendolari. Purtroppo, a causa dello stato della rete ferroviaria siciliana, questi treni non possono percorrere per intero diverse tratte regionali, come la Palermo-Catania. Nel frattempo, però, dal 1 gennaio è scattato l’aumento del 10% dei prezzi di biglietti e abbonamenti, come previsto dal Contratto di Servizio sul Trasporto Pubblico Ferroviario 2017-2026, firmato da Trenitalia e Regione Siciliana. Continua a leggere

Caroviaggi per Natale: Federconsumatori sollecita l’Antitrust

caroviaggi natale costi aereo federconsumatori antitrust

LA ROSA: AUMENTI OLTRE IL 365% INACCETTABILI

Come ogni anno, con l’avvicinarsi delle ferie natalizie, Federconsumatori riceve decine e decine di segnalazioni da parte di lavoratori e studenti del sud Italia che vivono al nord. Il problema è sempre lo stesso: l’enorme aumento del costo dei viaggi dai principali aeroporti e stazioni ferroviarie italiane a quelle del sud, in particolare della Sicilia, Calabria e Puglia.

Federconsumatori monitora ogni anno l’aumento del costo dei biglietti terni, aerei e anche autobus sui quali questi consumatori tornano a casa e, quest’anno, ha scoperto aumenti che arrivano anche al 188%. La comparazione di prezzo è stata fatta tra un viaggio prenotato per venerdì 8 novembre e la stessa tratta prenotata per lunedì 23 dicembre.

Federconsumatori Sicilia ha monitorato i costi di viaggio, nelle stesse date, dalle due principali città italiane (Roma e Milano) alle due principali città siciliane (Palermo e Catania). Purtroppo i viaggiatori siciliani non sono affatto più fortunati degli altri. Anzi, per viaggiare verso la Sicilia in periodo natalizio gli aumenti di prezzo sono anche maggiori

Il volo più economico da Milano Malpensa a Palermo Falcone e Borsellino è l’easyJet delle ore 07:05. Questo volo l’8 novembre costa appena 57 euro, che salgono a 179 euro il 23 dicembre. Un aumento pari al 314%. Il volo più economico da Roma Fiumicino a Palermo l’8 novembre è il Ryanair delle 08:30 che costa 86 euro. Lo stesso volo costa 126 euro il 23 dicembre, con un aumento del 146%.

Il volo più economico da Milano Malpensa a Catania Fontanarossa è l’easyJet delle ore 07:15, che l’8 novembre costa 55 euro mentre il 23 dicembre costa 201 euro, con un aumento del 365%. Il volo più economico da Roma Fiumicino a Catania Fontanarossa è Ryanair delle ore 09:00, che l’8 novembre costa 150 euro mentre il 23 dicembre costa 167 euro. In questo caso l’aumento è contenuto solo perché già il volo a novembre è incredibilmente caro.

Aumenti di prezzo paragonabili a quelli citati si riscontrano anche con le altre compagnie aeree, nessuna esclusa, e i viaggiatori sono costretti a scegliere voli con orari scomodissimi per evitare di pagare cifre esorbitanti. Ma non tutti quelli che atterrano a Palermo o Catania hanno terminato il proprio viaggio: molti devono proseguire, con altri mezzi, fino ad altri Comuni lontani anche oltre 200 chilometri dall’aeroporto. Così, facendo due conti sull’orario al quale si arriverà a casa, il viaggiatore non potrà fare altro che comprare il biglietto più caro per non arrivare a casa in piena notte.

Ci rendiamo perfettamente conto che i viaggi siano un servizio e, come tutti i servizi, il loro prezzo dipende dall’offerta e dalla domanda – commenta il presidente di Federconsumatori Sicilia, Alfio La Rosa ma onestamente siamo di fronte ad incrementi di prezzo inaccettabili. Come Federconsumatori, a livello nazionale, stiamo già sollecitando l’Antitrust e l’Autorità dei Trasporti ad avviare approfonditi controlli su tali condotte commerciali. A chi deve viaggiare nel periodo natalizio  – conclude La Rosa –  consigliamo di affrettarsi a prenotare perché più si avvicina Natale e più costeranno i biglietti “.