Tutela dei diritti dei consumatori: la politica è già in vacanza?

Palermo-Castle-bjs-1[1]

LA ROSA: LA LEGGE E’ FERMA ALL’ARS E LA REGIONE NON CI CONVOCA

La politica regionale siciliana si è totalmente scordata della tutela dei diritti dei consumatori. Alle associazioni dei consumatori, infatti, da mesi non arrivano notizie in merito alla nuova legge di tutela dei consumatori e le stesse associazioni non vengono più convocate per le riunioni del Consiglio Regionale dei Consumatori e degli Utenti (CRCU). Continua a leggere

Differenziata bluff in 50 Comuni siciliani, Federconsumatori contro la Regione

DIFFERENZIATA BLUFF IN 50 COMUNI SICILIANI

LA ROSA: LO DICIAMO DA ANNI, IL TEMPO E’ FINITO

In merito alla notizia, pubblicata dal Giornale di Sicilia, dei rifiuti differenziati che poi finiscono in discarica in una cinquantina di Comuni siciliani, a causa della mancanza degli impianti di trattamento, Federconsumatori Sicilia torna a puntare l’indice sulle inefficienze e sui ritardi della politica regionale. Continua a leggere

Tutela dei consumatori: al via il progetto S.U.S.I.T.I.

LOGO3

POTENZIATI IN TUTTA LA SICILIA GLI SPORTELLI DI ASSISTENZA AI CONSUMATORI

Avranno inizio sabato 4 marzo, presso la sede di Federconsumatori Etna Sud a Mascalucia (Ct), le attività formative del Progetto S.U.S.I.T.I. (Start Up Sportelli Informativi Tutela Individui). Nella sede catanese dell’associazione di tutela dei diritti dei consumatori si svolgerà, infatti, il primo incontro tra esperti e personale degli sportelli informativi siciliani. Continua a leggere

Indagine TARI: la Sicilia paga crisi rifiuti e cattiva amministrazione

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

INDAGINE FEDERCONSUMATORI SU TARI: SICILIA MALISSIMO, A SIRACUSA SI PAGA IL TRIPLO DI BELLUNO

L’ultima indagine annuale di Federconsumatori sulla tassa sui rifiuti, la famosa TARI, relativa ai capoluoghi di Provincia mette nero su bianco tutti i paradossi del sistema rifiuti in Sicilia. A fronte di tariffe altissime (Sicilia seconda solo alla Campania, con una media regionale di 381,06 euro), il servizio erogato è costantemente al confine con la crisi. Come se non bastasse, in due province siciliane la TARI è cresciuta nel 2016 rispetto al 2015 (Messina +5,21% e Ragusa +3,96%, dati riferiti a una abitazione da 100 mq e tre componenti familiari). In tutta l’isola la tassa sui Rifiuti è cresciuta in media del 23% rispetto al 2010 (mentre, nello stesso periodo, l’inflazione è cresciuta del 7,4%). Continua a leggere