Azioni Banca Popolare di Vicenza: buone notizie per i risparmiatori

BPVi_Logo_Isituzionale_Color

VIZZINI: CONCRETI SPIRAGLI DI LUCE PER GLI AZIONISTI

LA ROSA: FEDERCONSUMATORI A FIANCO DEI RISPARMIATORI TRADITI

Dal Tribunale di Palermo arrivano buone notizie per i possessori di azioni Banca Popolare di Vicenza che hanno acquistato con l’intermediazione di Banca Nuova. Continua a leggere

Tredicesima 2017, indagine di Federconsumatori Palermo

federconsumatori palermo tredicesima 2017

INDAGINE TREDICESIMA FEDERCONSUMATORI PALERMO: IL 57% SERVIRA’ A PAGARE I DEBITI

Anche quest’anno l’osservatorio di Federconsumatori Palermo ha effettuato una serie di interviste tra le famiglie palermitane per delineare l’andamento dei consumi per le imminenti feste natalizie. È emerso che oltre metà della prossima tredicesima sarà sacrificata, anche quest’anno, per pagare le scadenze fiscali di fine anno, bollo auto e assicurazione, rata mutui, copertura dei debiti contratti nel 2017. Continua a leggere

Legge regionale sul turismo: Federconsumatori chiede difesa del turista

legge regionale turiso federconsumatori

LA ROSA: SI’ ALLA CARTA DEL TURISTA, NO ALLA POLIZIA TURISTICA

Il Governo regionale siciliano sta preparando una legge sul turismo che, qualora dovesse essere approvata senza modifiche, penalizzerà fortemente i consumatori al solo scopo di difendere gli interessi privati dei gestori d’albergo e delle strutture ricettive. È quanto ritiene Federconsumatori Sicilia a poche ore dall’audizione svolta in IV Commissione legislativa all’ARS, dove è in corso la discussione del testo presentato dal Governo Crocetta. Continua a leggere

Carte Revolving: clamorosa vittoria di una nostra associata

CARTE REVOLVING CLAMOROSA VITTORIA DI UNA ASSOCIATA FEDERCONSUMATORI

CON L’AIUTO DI FEDERCONSUMATORI RECUPERATI 1.000 EURO NON DOVUTI ALLA BANCA

Grazie alla consulenza di Federconsumatori Sicilia una cittadina siciliana è riuscita ad avere giustizia e a recuperare circa 1.000 euro trattenuti indebitamente dalla sua banca.  La signora era titolare di una carta di credito revolving (una carta, cioè, che permette di pagare a rate mensili i propri acquisti), concessa da un noto istituto bancario senza un regolare contratto. La banca aveva chiesto, e la signora aveva pagato, una somma pari a oltre il doppio del credito inizialmente concesso. Continua a leggere