• SERVIZIO CIVILE: FEDERCONSUMATORI ETNA SUD SELEZIONA 4 VOLONTARI
    SERVIZIO CIVILE: FEDERCONSUMATORI ETNA SUD SELEZIONA 4 VOLONTARI
  • EMILIO VIAFORA NUOVO PRESIDENTE FEDERCONSUMATORI
    EMILIO VIAFORA NUOVO PRESIDENTE FEDERCONSUMATORI
  • FERROVIE: IN SICILIA ANDIAMO VERSO L'ALTA LENTEZZA
    FERROVIE: IN SICILIA ANDIAMO VERSO L'ALTA LENTEZZA
  • BOLLETTE ELETTRICHE: ENEL COLLABORA CON FEDERCONSUMATORI
    BOLLETTE ELETTRICHE: ENEL COLLABORA CON FEDERCONSUMATORI
  • ACQUA PUBBLICA: PASSO INDIETRO DELLA REGIONE
    ACQUA PUBBLICA: PASSO INDIETRO DELLA REGIONE
   

Coronavirus. Dona ora alla Protezione Civile.

Carissimi soci e amici, come tutti sappiamo stiamo vivendo una fase molto delicata che sta mettendo a dura prova le strutture, i professionisti e i volontari impegnati ad affrontare l’emergenza Covid-19.

Per questo abbiamo deciso di dare un contributo concreto e raccogliere fondi da destinare al Dipartimento della Protezione Civile, attivo in queste ore per mettere al sicuro tutti noi e coordinare gli interventi necessari a fronteggiare l’emergenza sul territorio nazionale.

Vi chiediamo di aiutare chi ci sta proteggendo, chi è in prima linea nel prestare soccorso e assistenza alla popolazione interessata dal contagio.

Il tuo contributo, anche se piccolo, può fare tanto per la salute, il benessere e il futuro di tutti!

 Fai la tua parte, fai la differenza.

 DONA ORA 

 

IL CODICE IBAN PER LE DONAZIONI È:

IT 13 W 010 3003 3010 0006 3102 212

indica la causale: Emergenza Covid-19

 

“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”

Madre Teresa di Calcutta

Coronavirus: come sta cambiando la tua vita?

Coronavirus questionario federconsumatori

Il Covid-19, comunemente detto Coronavirus, sta costringendo tutti noi a confrontarci con una realtà inedita, densa di preoccupazioni e in alcuni casi di dolore e sofferenza.

È una prova difficile, ciascuno di noi è attraversato da mille pensieri e sensazioni. Abbiamo regole di vita da rispettare per salvaguardare la salute di tutti. Tutto è cambiato in attesa di un ritorno ad una vita normale.

Federconsumatori Nazionale e Federconsumatori Emilia Romagna, in questa fase così difficile e
particolare, hanno deciso di promuovere una ricerca, in collaborazione dell’Istituto di ricerca IRES Emilia Romagna, per capire come i cittadini stanno vivendo questo momento.

È anche un modo, per chi risponderà al questionario (disponibile solo on line e in forma completamente anonima), per riflettere e dare vita a una ricerca ci servirà, tra qualche mese, per elaborare quanto è accaduto e per trarne spunti e indicazioni per il futuro.

Grazie a tutti coloro che vorranno collaborare rispondendo al questionario cliccando su questo link.

Ludopatia: Federconsumatori Canicattì incontra gli over 65

ludopatia
L’entrata in vigore del regolamento comunale volto a prevenire e contrastare il fenomeno della ludopatia, nonché l’indagine sul gioco d’azzardo recentemente pubblicata da il Sole 24 ore, che per i 35.766 residenti del comune di Canicattì ha visto una puntata media di 449,18 euro ad individuo nei soli primi sei mesi del 2017, hanno spinto Federconsumatori a dare il proprio contributo per fronteggiare questa vera piaga sociale. Pertanto, dopo Sciacca e Ribera, farà tappa a Canicattì il progetto nazionale itinerante promosso da Federconsumatori, dal nome “Generazioni in salute, questione di stili di vita“, e indirizzato agli over 65. Continua a leggere

Tim rimborsa 2.000 Euro ad un assistito Federconsumatori

logo_TIM_versioneSecondaria

LA ROSA: TIM IN TORTO GRAVE, I NOSTRI CONSULENTI HANNO FATTO GIUSTIZIA

Ammonta a 2.000 euro il danno non patrimoniale liquidato dall’azienda telefonica Tim, oltre alle spese processuali, ad un cittadino disabile di Castelvetrano a seguito del pronunciamento del Giudice di Pace, che ha accolto la richiesta avanzata dall’utente assistito dai legali di Federconsumatori. La vicenda ha avuto inizio nel 2016 e ci sono voluti gli avvocati della nostra associazione affinché il cittadino vedesse riconosciuto un suo diritto basilare di utente: un banale trasferimento di linea telefonica. Continua a leggere